Ricette

RICETTE TIPICHE

Tanta gente non conosce il farro o lo conosce soltanto di nome. Pochi sanno come si prepara. Vogliamo allora proporre alcune ricette, le più comuni della nostra terra, tramandate da generzioni e delle quali sono custodi esperti le nostre donne anziane che ancora lo preparano con prontezza, disinvoltura e gustosità.
Con l’aiuto di uno Chef del nostro paese, riportiamo alcune ricette per la cottura del Farro, sono le più comuni. La prima è la più importante, è la ricetta «San Nicola». E’ chiamata così perché in questa maniera viene preparata dal Parroco alla vigilia di San Nicola, Patrono di Manteleone, nel giorno della vigilia della sua Festa, il 5 Dicembre. È chiamata la ricetta del «magro» perché condita con olio. È la più adatta e corrispondente alla dieta macrobiotica e vegetariana proprio per la mancanza di grassi assicurando all’organismo la massima assimilazione dei suoi elementi naturali.
Le altre ricette sono golose, buone, ma alcune per la presenza del grasso di pancetta e di zampetto annullano le prerogative del farro. Chi non ha problemi di salute e di estetica, chi non crede alla macrobiotica e ai vegetariani, ma va alla ricerca di buoni piatti il Farro alla pancetta o al brodo di zampetti condito con pecorino di montagna non è da disprezzarsi, tutt’altro.
Ognuno faccia la sua scelta.


RICETTA DI SAN NICOLA
(di magro. A Monteleone si usa distribuirlo a tutta la popolazione alla vigilia della Festa del Patrono S. Nicola di Bari il 5 Dicembre).
Per 4 persone:
4 pugnetti di farro (come riso), cipolla abbondante, sedano abbondante, olio di oliva a discrezione, pelati di pomodoro o salsa di pomodori (si possono aggiungere anche 2 patate).
Tritare per bene cipolla e sedano; farli rosolare in pentola con olio e pomodoro.
Versare poi acqua e all’ebollizione mettere il farro. Mescolare frequentemente e far cuocere per circa mezz’ora. Verso la fine cottura si può aggiungere un pizzico di peperoncino.

FARRO ALLA TREBUA

Per 4 persone:
4 pugnetti di farro, 100gr. di pancetta affumicata, 1 costa di sedano, 1 cipolla, 2 patate, 100gr. di pelati, 100gr. di pecorino maturo, olio e sale quanto basta.
Tritare bene la cipolla e il sedano, farli rosolare in pentola con olio di oliva; aggiungere la pancetta tagliata a dadini e il pomodoro. Mescolare e far cuocere fino alla completa cottura del pomodoro. Aggiungere acqua e alla sua bollitura versare il farro; far cuocere per circa mezz'ora, mescolando frequentemente. Alla fine della cottura condire con il formaggio pecorino.


FARRO DI CARNEVALE
Per 4 persone:
4 pugnetti di farro, 1 cipolla piccola, 1 foglia di sedano, 2 zampetti di maiale (oppure ossa di maiale spolpate o osso di prosciutto), formaggio pecorino quanto basta, (a gusto personale si possono aggiungere 2 patate).
Mettere a bollire gli zampetti di maiale, o le ossa, o l'osso di prosciutto con sedano e cipolla; schiumare ogni tanto. Alla cottura passare il tutto e rimettere a bollire con il farro. Mescolare frequentemente; aggiungere una puntina di salsa di pomodoro. Servire a tavola con il pecorino.


CROSTATA DI FARINA DI FARRO
150gr. di farina di farro, 100gr. di farina bianca, 1 uovo; 150gr. di burro, 150gr. di zucchero, un pizzico di sale, una buccia di limone grattuggiata, 1 bustina di vanillina.
Passare la farina al setaccio, disporla a fontana sulla spianatoia, unite all'uovo, lo zucchero, il burro morbido a pezzetti, il sale, la buccia di limone, la vanillina. Amalgamare l'impasto e disporlo in uno stampo per crostate, rivestire l'impasto e disporlo in uno stampo per crostate, rivestire l'impasto con marmellata nel gusto che preferite.

MINESTRONE DI FARRO SGUSCIATO
Farro 50/70gr. a persona, carota, fagioli, sedano, patate, zucchine, cipolla.
Tenere il farro a mollo la notte in acqua. Si tritano finemente le verdure e si cuociono utilizzando l'acqua nella quale si è tenuto a mollo il farro. A cottura ultimata si passano le verdure e si unisce al farro facendolo cuocere nel passato di verdura per circa mezz'ora. Servire con olio di oliva o un pò di burro.


POLPETTE VEGETALI (con farro sgusciato)
Per 2 porzioni:
150gr. di farro sgusciato in chicchi, 1 uovo, 1 fetta di pane, 1 spicchio d'aglio, 30gr. di parmigiano grattugiato, 250gr. di pane grattato, 1 litro di olio di semi per frittura, una cucchiaiata di basilico e prezzemolo tritato, sale e pepe.
Mettete a bagno in acqua la fetta di pane, lavare il farro sotto l'acqua corrente, metterlo a bagno per una notte, poi farlo cuocere per mezz'ora nella stessa acqua, scolare efrullare grossolanamente i chicchi, aggiungee l'uovo intero, il parmiggiano, il pane bagnato, il prezzemolo, il basilico, sale e pepe. Mescolare il tutto, fare delle piccole polpettine e passarle nel pane grattuggiato, friggerle nell'olio caldo, facendole rosolare ambo i lati.

INSALATA DI FARRO "SEMIPERLATO"
Per 4 porzioni:
300gr. di farro in chicchi semiperlato, 80gr. di tonno sott'olio, 160gr. di condiriso leggero, 2 pomodori maturi, 3 foglie di lattuga, 4 foglie di basilico.
Lavare il farro sotto l'acqua corrente, farlo cuocere in abbondante acqua per circa 20 minuti, a cottura scolarlo e passarlo sotto l'acqua fredda, scolarlo di nuovo.
Tagliare in piccoli pezzi i pomodori, tagliare finemente la lattuga e il prezzemolo, versare il tutto in una scodella aggiungendo il farro e gli altri ingredienti, mescolare bene e servire.


ROVEJA
300g di roveja, olio extra vergine di oliva, aglio, peperoncino, due acciughe.
Mettere la roveja in ammollo per 12 ore, scolarla e sciacquarla, cuocere in abbondante acqua salata per circa 50-60 minuti. Preparare un soffritto con olio, aglio, peperoncino e due acciughe. Scolare la roveja e insaporirla nel soffritto.


Chi è online

 5 visitatori online

L'azienda

  • 4c7x1750.gif
  • 4c7x1758.gif
  • 4c7x1768.gif
  • azienda.jpg
  • coltivazion.gif
  • farro.gif
  • insalata.gif
  • polpette.gif
  • san.gif
  • spighe.gif
  • storia.gif